Allenamento in MTB, giro tra le colline di Soave

La MTB mi piace, la MTB non mi piace. La MTB mi esalta, la MTB dopo un pò mi stanca. Sia chiaro sono pensieri personali, lo so che tra di voi lettori ci sarà sicuramente l’estimatore che potrebbe offendersi ma non fatelo, io sono amante del Trail Running e con la MTB non ho troppa dimestichezza. Esattamente 2 anni fa nel mesi di aprile acquistai su consiglio del mio fisioterapista una MTB, l’intento era quello di iniziare la fase riabilitativa dopo l’ennesimo stiramento ai gemelli mediali. Il consiglio era (ed è tutt’ora) quello di diversificare l’allenamento affinché tendini e articolazioni subiscano meno microtraumi possibili, questo in un certo senso serve anche e soprattutto a prevenire infortuni. Un altro sport che sicuramente fa bene a noi runner è il nuoto, impatto zero su articolazioni e tendini e muscoli continuamente allenati, per non parlare poi dell’apparato cardiopolmonare.

Non volevo e non potevo spendere grosse cifre così facendo delle ricerche su google mi sono imbattuto nell’ipermercato dello sport per eccellenza: Decathlon. Vi è una vasta scelta di accessori e abbigliamento per ogni sport quindi mi sono recato nel negozio più vicino e mi sono fatto consigliare da uno degli addetti del reparto. La scelta è ricaduta sulla Rockrider 520, un ottimo (a mio avviso) rapporto qualità-prezzo per chi come me, è alla ricerca di una MTB per iniziare e non ha grandi pretese. Sono perfettamente cosciente che la mia MTB non sarà mai leggera, performante e con i migliori materiali in circolazioni come le MTB che costano migliaia di euro, ma non avevo e ne ho intenzione di partecipare a nessuna competizione in bici ne tanto meno di fare il giro del mondo in sella. Per cui la scelta che ho fatto due anni fa è stata la scelta giusta.

Devo dire anche che in 26 mesi esatti dall’acquisto sarò andato in bici al massimo una ventina di volte, questo spiega appunto il perché della mia scelta ”economica” rispetto a molti di voi che vedo sfrecciare tra le colline e le campagne con bici di tutt’altro valore. Oggi ho deciso finalmente di fare un bel giro lungo e diversificare un pò l’allenamento fatto fin ora che è stato solo ed esclusivamente concentrato su strada. Così approfittando dello stop che mi sono imposto da una settimana per via di una infiammazione al tendine di achille che mi perseguita da diversi mesi, ho deciso di spolverare la mia MTB e farci un giro tra le colline di Soave (VR).

Sono partito da casa ed ho pedalato per 7 km in direzione Monteforte d’Alpone, da li ho preso la pista ciclabile lungo fiume e mi sono diretto verso Montecchia di Crosara. Poco prima di arrivare in paese ho svoltato a sinistra e preso la strada che sale su per Fittà e pedalato in salita per circa 6 km raggiungendo il centro del paese ad un altezza di 300 mslm. Piccola sosta per dissetarmi e via giù in direzione Soave per altri 3 km, dal centro paese mi sono spostato in direzione casa passando nuovamente da Monteforte d’Alpone (11 km). Alla fine del giro i km sul mio nuovo orologio Garmin Fenix 5s erano 33 e poco più di 350 D+.

Rientrato a casa dal giro in MTB ero appagato dall’allenamento svolto, avevo le gambe stanche e fortunatamente il tendine di Achille non mi ha dato fastidio. Credo che continuerò con lo stop dalla corsa per un’altra settimana o fino al prossimo incontro con l’ortopedico. Lunedì 18 ho la radiografia e speriamo non sia nulla di grave anche se ho il presentimento che possa essere una calcificazione del tendine di Achille. Come già scritto prima sono diversi mesi se non addirittura un paio di anni che ho dolore, a volte ritorna a volte sparisce (la sparizione del dolore avviene in contemporanea con l’assunzione di farmaci antinfiammatori per via orale o per via cutanea). Prima dell’Ultra Trail dell’Orsa mi sono curato per diversi giorni con antinfiammatori non steroidei ma lo stomaco ne ha risentito è sono dovuto ricorrere ai fermenti lattici per ripristinare la flora intestinale, ho capito che in queste condizioni non potevo andare avanti.

Presto notizie sulla radiografia e sull’esito della visita ortopedica, se vi va seguitemi sulla mia pagina social  qui

Facebook Comments

Runnerpercaso

Corro per scelta, lo faccio per passione. Impiegato nella GDO corro nel tempo libero a disposizione. Sposato con Elena con cui vivo insieme al nostro amico a 4 zampe Mario. Sogno di partecipare a gare di endurance. Il mio motto è ''Sogna in grande e osa fallire''

Privacy Policy Cookie Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: