Correre con il caldo: istruzioni d’uso

Correre con il caldo non è esattamente come correre con il freddo, e credo che fin qui è chiaro a tutti. In estate: esco a correre, anzi no fa caldo. In inverno: esco a correre, anzi no fa freddo. L’estate è bella per molti aspetti ma correre con il caldo non è facile e non è per tutti. Mentre in inverno per correre basta coprirsi, correre con il caldo d’estate è un po’ più complicato. L’inverno basta indossare un capo tecnico (se vi siete persi i consigli per l’inverno cliccate questo link), l’estate invece più che correre in costume da bagno correre nudi non si può.

Correre con il caldo infatti è di gran lunga complicato per diversi motivi:

  1. se fa troppo caldo e vi siete spogliati quasi del tutto (lasciatevi addosso almeno gli slip), non potete far più niente, d’inverno con il freddo invece potete aggiungere ancora indumenti sino ad arrivare alla vostra temperatura perfetta;
  2. per non rischiare un’insolazione bisognerebbe coprirsi il capo e per non rischiare la disidratazione bere poco e spesso, inoltre ricordarsi di portarsi dietro sali minerali e una riserva d’acqua sufficiente a non rimanere a ”secco”;
  3. per non rischiare di svenire per il troppo caldo si potrebbe invece correre in altura al fresco, ma naturalmente non tutti hanno una montagna a portata di mano;
  4. quando fa troppo caldo si è più stanchi, si è più svogliati e capita molto spesso che si rinuncia all’allenamento;
  5. d’estate per non correre con il caldo e le temperature elevate ci si deve svegliare molto presto per correre all’alba, per chi come me vive in pianura (Padana) è l’unico momento della ”giornata” dove le temperature ti lasciano respirare un pò, ma non troppo.

Ecco alcuni consigli per correre con il caldo

Per correre con il caldo d’estate vi sono alcune regole basilari che bisognerebbe seguire se non si vuole rischiare un’insolazione o nei peggiori dei casi un infarto. Alcune delle regole più importanti (secondo me) le ho racchiuse in questo breve elenco, vediamole insieme:

  1. Mai uscire nelle ore più calde del giorno. Quante volte ve lo siete sentito dire da piccoli da vostra mamma? Io ricordo che ogni estate la prima raccomandazione era sempre quella, la stessa che ad inizio estate i TG ci ricordano per tutti i mesi estivi. Mai uscire di casa, salvo casi urgenti, nelle ore più calde. Ma eravamo bambini e non ci facevamo caso, eravamo più forti e soprattutto più imprudenti. Se come me avete la possibilità di allenarvi in altre ore del giorno allora fatelo. Uscite al mattino presto o alla sera tardi. Io di solito metto la sveglia alle 4.00, esco ad allenarmi e al rientro dopo una doccia fredda faccio colazione e mi dirigo a lavoro. Oppure alla sera, prima di cenare, dopo il lavoro per scaricare lo stress della giornata. L’importante è che non uscite a correre con il caldo, quello delle ore di punta. Credetemi ho visto gente a metà luglio correre alle due del pomeriggio con k-way e pantaloncini.
  2. Bevete molta acqua. D’estate il corpo suda ed è normale. E’ un processo naturale che grazie alla termoregolazione (lo dice la parola stessa) manteniamo il corpo ad una temperatura ottimale. Grazie alla sudorazione inoltre il nostro organismo elimina dall’interno, sostanze tossiche quali ammoniaca e acido lattico, che alla lunga potrebbero ”avvelenare” l’organismo stesso. Portate sempre con voi una riserva idrica che vi permetta di bere dei piccoli sorsi d’acqua molto spesso. Non bevete quando avete sete perchè è già troppo tardi. Io per allenamenti sino ad un’ora porto con me due borracce soft flask da 250ml che la sera prima sapientemente metto nel congelatore. Al mattino dopo 10 minuti potrò cominciare a bere acqua fresca fino alla fine. Per allenamenti di durata superiore utilizzo due borracce soft flask da 500ml. Se non vi piace portare con voi dell’acqua allora scegliete percorsi dove sono presenti punti d’acqua e dove dissetarvi. Ricordatevi di bere molta acqua durante tutto l’arco della giornata, prima durante e dopo l’allenamento. (se vi piace il gusto aggiungeteci sali minerali, potete trovarli qui)
  3. Ricordatevi di mettere la crema solare. Uno degli aspetti negativi di correre con il caldo è che la vostra pelle è esposta direttamente alla luce del sole. Questo vuol dire che se non siete abituati a prendere il sole o se avete una pelle molto chiara, dovreste proteggervi con una crema solare. Le pelli più chiare avranno bisogno di una protezione molto alta, pelli scure come la mia invece una protezione più bassa. E’ un aspetto da non sottovalutare, esporre la pelle direttamente alla luce del sole per molto tempo senza la giusta protezione vi può portare dalle classiche scottature guaribili in pochi giorni, a malattie gravi quali ad esempio il melanoma della pelle. Quando siete in spiaggia non vi proteggete con la crema solare? Correre con il caldo non è diverso. Proteggetevi sempre.
  4. Evitate di coprirvi più del dovuto. Come abbiamo già visto in precedenza per correre d’inverno ci si deve coprire le estremità del nostro corpo, testa mani e ovviamente piedi. Questo perchè d’inverno non dobbiamo disperdere il calore del nostro corpo, per mantenerci al caldo infatti bisogna trattenerlo il più possibile. Al contrario invece d’estate. E’ vero che il nostro corpo è dotato di un sistema di autoregolazione della propria temperatura, ma è vero anche che coprirsi più del necessario (soprattutto la testa con inutili fasce o cappelli per il sole) può portare il nostro corpo ad aumentare la propria temperatura rischiando addirittura lo svenimento durante l’attività fisica. Coprirsi si ma con moderazione.

4 semplici consigli che d’estate possono salvarci la vita facendoci divertire (perchè la corsa è divertimento in primis) senza dover rischiare la pelle. Io cerco sempre di seguirli, non mi alleno mai nelle ore più calde, bevo molta acqua e soprattutto corro sempre con t-shirt e pantaloncini, mai a torso nudo perchè non amo purtroppo mettere la crema solare. Spero che questi consigli vi possano aiutare a non dovervi fermare, correre con il caldo deve essere un’esperienza da voler ripetere e non da dimenticare. Buone corse a tutti

Facebook Comments

Runnerpercaso

Corro per scelta, lo faccio per passione. Impiegato nella GDO corro nel tempo libero a disposizione. Sposato con Elena, vivo insieme ai nostri amici a 4 zampe Mario e Lola. Sogno di partecipare a gare di endurance, mai dire mai.

Privacy Policy Cookie Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: