Maratona di Londra, un 59enne Barese ”salta” 16 km

5
Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie! Ciò accade perché la funzionalità dei contenuti contrassegnati come “% SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.
Sabino Rinaldi alla Maratona di Londra

Maratona di Londra 2018, la notizia circola in rete da qualche giorno e non è una fake news. Lui si chiama Sabino Rinaldi, ha 59 anni, è di origine Barese ed ha tagliato il traguardo in 3 ore e 19 minuti. Peccato solo che durante il percorso l’atleta pugliese abbia preso una piccola ”scorciatoia” di 16 km. Questo è quanto emerge da una indagine del Times pubblicata in data 6 maggio dopo aver ascoltato diversi atleti.

A quanto pare l’atleta Italiano avrebbe preso una scorciatoia di 16 km che gli avrebbe permesso di chiudere la gara con un tempo strepitoso, addirittura nella seconda parte migliore del pluri campione olimpico Mo Farah. Naturalmente un tempo che non poteva passare inosservato. L’atleta Barese si è presentato al nastro di partenza della Maratona di Londra con il pettorale 61840, da quanto risulta è tesserato Fidal ed è presidente di un’Associazione sportiva dilettantistica dal nome Adp Sodico Running. L’atleta Barese però non era l’unico, infatti faceva parte di un gruppetto con altri 3 atleti per fortuna non di origine Italiana.

Intervistato dai giornalisti inglesi, il 59 enne di Bari si è giustificato sostenendo che era lì solo per divertimento e che comunque non aveva guardato l’orologio, direi una scusa banale per chi si presenta alla Maratona di Londra  concludendola prendendo una strada più corta.

La Maratona di Londra si è corsa il 22 aprile scorso e ci sono voluti alcuni giorni per scoprire l’accaduto che a quanto pare è stato merito di un altro Italiano vistosi scippare un primato: ”ero arrivato terzo di tutti gli italiani nella mia fascia di età”, ha detto al quotidiano The Times, ”ho notato, tuttavia, che l’italiano che mi aveva battuto avrebbe dovuto correre la seconda metà in 1 ora e 4 minuti, impensabile per un senior”.

Spero che dopo questa brutta figuraccia che l’Italiano ha rimediato alla Maratona di Londra, decida di chiedere scusa a tutto il popolo runners. Noi siamo gente onesta e ci dissociamo da tali comportamenti.