Paolo Venturini corre 39 km a 50 gradi sotto zero: è impresa.

Share

 

Oggi 20 gennaio 2019, ad Oymyakon, il luogo abitato più freddo del mondo in Jakutia (RUS), si è compiuto quello che fino a questa mattina nessun uomo era mai riuscito a realizzare. Un’impresa fuori dal normale. Ad una temperatura media oltre i 50° sotto zero con un picco di -52,6°C , Paolo Venturini Sovrintendente della Polizia di Stato ed atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Oro ha percorso la distanza di km 39.120 che unisce le città di Tomtor e Oymyakon in 3h54’10” stabilendo un nuovo record mondiale.

Le temperature sono state rilevate da una serie di termometri Delta OHM, certificati a livello mondiale. L’atleta della Polizia di Stato è stato accompagnato da due medici del dipartimento di Medicina dello Sport dell’Università di Padova che hanno così potuto acquisire nuovi dati per la ricerca scientifica, un traduttore e un accompagnatore, oltre al coinvolgimento di esperti in medicina del freddo dell’Università di Yakutsk.
Svolgere attività sportiva in condizioni climatiche estreme offre la possibilità infatti agli esperti della medicina dello sport di testare le reazioni del corpo umano.

Le difficoltà principali di questo evento derivano dal fatto che il respirare aria così fredda provoca il congelamento delle prime vie respiratorie, per questo l’ultramaratoneta Paolo Venturini ha dovuto correre respirando attraverso una speciale maschera. Inoltre per queste temperature così estreme, non esiste un abbigliamento tecnico da running per proteggersi dalle basse temperature quindi si è provveduto alla realizzazione di nuovi capi testati per la prima volta in questa occasione.

Paolo Venturini, biografia e qualche dato ufficiale

L’atleta Paolo Venturini nasce a Padova il 13 marzo 1968, vive e si allena alle pendici dei Colli Euganei in provincia di Padova e non è nuovo a questo tipo di impresa. Infatti il suo palmares ne è ricco, eccone alcune:

  • 1992, dopo alcuni precedenti viaggi in Africa, effettua la sua prima impresa in mountain bike, il giro del lago Vittoria attraverso Kenya, Tanzania ed Uganda, 2.400 Km di savana africana
  • 2003 è l’anno dei record per Paolo. Sono 108,750 Km i chilometri coperti sopra ad un tapis roulant in 12 ore per svolgere un test di allenamento estremo ed allo stesso tempo per dare la possibilità ad un team di medici specializzati, di monitorizzare il suo corpo
  • Luglio 2004 Paolo partecipa alla sua prima ultramaratona a tappe ufficiale. “100 Miles of Namib” è una gara che si svolge nel deserto del Namib in Nabia, cinque tappe in quattro giorni per coprire 160 Km circa di corsa. Venturini si classifica al terzo posto assoluto
  • Aprile2007 Dead Sea Ultramarathon – Giordania, 48,7 Km da Amman al Mar Morto, la depressione più profonda della terra. Con l’ottimo tempo di 3h23’24” Paolo si classifica al 9°
  • Agosto 2013 Chott el Jerid (Tunisia) Paolo è il primo uomo al mondo ad attraversare di corsa il più grande lago salato del nord Africa. La prova, svolta nei giorni più caldi dell’anno, è durata 11 ore, percorrendo 73 Km, con temperature dell’aria sopra i 50° e quelle del suolo attorno ai 70°. La disidratazione e la superficie ricoperta di sale del Chott, hanno causato la perdita di oltre 6 kg. di peso corporeo all’atleta
  • Dicembre 2014 Ecuador “Maximum Quota” è la sfida. Partito dal livello del mare dalla città di Guayaquil, in quattro giorni di corsa estrema, coprendo 231 km in condizioni climatiche limite, Paolo raggiunge i 5.500 mt. di quota del vulcano Chimborazo, il punto più distante dal centro del pianeta terra senza acclimatazione all’altura, senza assumere medicinali contro il mal di montagna e senza far uso di ossigeno artificiale. La sfida in parte non riesce in quanto l’obiettivo era quello di arrivare in cima al vulcano a 6.300 mt. Rimane comunque un record che nessuno al mondo è ancora riuscito a realizzare.
  • Luglio 2017 Iran. “Maximum Temperatus” Paolo Venturini stabilisce un nuovo primato mondiale, attraversa il luogo più caldo del pianeta terra, il Dasht e Lut, nel mese più caldo dell’anno. Partito dalle pendici dell’altipiano del Gandon Berian, dopo 75 Km arriva al villaggio di Shafiabad. Le temperature di 67°C ed un vento costante a 55 Km/h, renderanno questo record, una prova epica.

Il palmares di Paolo Venturini, la biografia, le immagini e il video ufficiale della sua ultima impresa sono stati presi direttamente dal canale ufficiale facebook e dal suo sito internet. Non tanto tempo fa un altro Italiano ha tentato un’impresa alla Yukon Arctic Ultra, lui è Roberto Zanda e ve ne avevo parlato qui.


Share

Runnerpercaso

Corro per scelta, lo faccio per passione, sono un runnerpercaso. Impiegato nella GDO corro nel tempo libero. Sposato con Elena, viviamo insieme ai nostri amici a 4 zampe Mario e Lola. Mi piace condividere la mia passione per la corsa perchè quando corro sono felice.

Commenta

In questo sito utilizzo cookies, anche di profilazione e di terze parti per renderti la navigazione più piacevole. Cliccando sul tasto “cookie policy” potrai trovare le informazioni per disattivare l’installazione dei cookies, ma in tal caso ti informo che il sito potrebbe non funzionare correttamente. Continuando la navigazione in questo sito acconsenti alla nostra Policy. Cookie policy