Sindrome Femoro Rotulea: esiti risonanza magnetica

Finalmente una risonanza magnetica in tempi brevi. Il 13 marzo dopo mesi di dolore al ginocchio che andava sempre aumentando, mi sono rivolto ad un specialista per cercare di stabilirne la sua origine. Così finalmente sono stato da un ortopedico che, come raccontato nel precedente articolo consultabile qui, ha stabilito che il dolore al ginocchio è causa della Sindrome Femoro Rotulea. Vi avevo lasciato dicendovi che avrei effettuato una risonanza magnetica e così ho fatto. Dopo la visita dall’ortopedico ho fissato un appuntamento per una risonanza magnetica nella struttura convenzionata con Unisalute più vicina e soprattutto quella con un tempo di prenotazione più veloce.

Data dell’impegnativa medica 16 marzo, data della risonanza magnetica 31 marzo, veloci vero?  Per quanto riguarda l’esito dell’esame, il medico ha così sentenziato:

Non sono evidenti alterazioni focali dell’intensità del segnale proveniente dal midollo osseo endospongioso dei segmenti in esame con caratteristiche sospette. Due aree di compatta ossea al condilo femorale laterale, la maggiore di 5 mm. Allineata la rotula. Minimo incremento del segnale a livello del rivestimento condrale rotuleo all’apice sul versante mediale come per fenomeni di iniziale condromalacia. Regolare il tendine del muscolo quadricipite; in sede inserzionale distale, sul versante mediale, area di alterato segnale come per verosimili fenomeni tendinosici. Regolare il legamento rotuleo; esile film fluido a livello della borsa infrapatellare profonda. Imbibizione dematosa del tessuto adiposo sottocutaneo in sede prepatellare. Conservati i rapporti articolari femoro-tibiali con regolare rivestimento condrale da ambo i lati. Al compartimento mediale, sfumata alterazione dell’intensità del segnale a carico del corno posteriore del menisco con linea di fissurazione che raggiunge il muro posteriore come per fenomeni degenerativi. Non evidente coinvolgimento delle superfici articolari. Regolare il legamento collaterale. Al compartimento centrare, regolare il legamento crociato anteriore. Il legamento crociato posteriore si segue lungo tutto il suo decorso; in sede pre-inserzionale prossimale riconoscibile area intralegamentosa ad elevata intensità di segnale di circa 9 mm di aspetto cistico come per verosimili fenomeni di degenerazione mucoide. Regolare la rappresentazione del corpo di Hoffa. Al compartimento laterale, non segni di rottura a carico del menisco. Regolare il legamento collaterale. Nei limiti la rappresentazione dei tendini del muscolo popliteo e del bicipite femorale. Regolare la bandelletta ileotibiale. Esile film fluido intra-articolare prevalentemente raccolto nel recesso laterale. Discreta distensione fluida della borsa comune dei muscoli gastrocnemio-semimembranoso.

Ora qualcuno potrebbe capire quello che il Dottore ha scritto mentre altri no, Io sono uno di quelli che a parte qualche vocabolo ricercato su wikipedia di tutto il resto non ci ha capito ancora nulla. L’unica cosa che ho capito è che sono all’inizio di una condromalacia, ovvero la cartilagine posteriore su cui ”scorre” la rotula è in una fase di cambiamento da liscia a ruvida. Per questo durante la corsa dopo qualche km inizio a sentire dolore, ed è per questo che l’ortopedico ancor prima di vedere l’esito della risonanza magnetica mi ha consigliato di assumere un integratore di acido ialuronico. Lunedi 9 aprile alle ore 9.50 ho fissato un secondo appuntamento con l’ortopedico per discutere insieme l’esito della risonanza e per vedere se devo fare degli altri esami. Nel frattempo ho anche effettuato due test posturale con valutazione barobopometrica dell’appoggio in fase statica e dinamica, ma di questo ne parlerò più avanti perchè l’esito delle valutazioni non mi ha del tutto sorpreso ma ha acceso in me una lampadina molto luminosa. Stay tuned

 

 

Facebook Comments

Runnerpercaso

Corro per scelta, lo faccio per passione. Impiegato nella GDO corro nel tempo libero a disposizione. Sposato con Elena con cui vivo insieme al nostro amico a 4 zampe Mario. Sogno di partecipare a gare di endurance. Il mio motto è ''Sogna in grande e osa fallire''

Privacy Policy Cookie Policy
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: